Articoli
Articolo tratto dal mensile - IO E IL MIO BAMBINO - ottobre 2001 E SE OCCORONO GLI OCCHIALI ? Già verso l'anno di età, se il bambino presenta un difetto di refrazione (miopia, ipermetropia o astigmatismo), gli viene prescritto l'uso di occhiali da vista idonei. Lo stesso può accadere se soffre di strabismo o dopo un intervento di cataratta congenita. In tutti questi casi, la scelta dell'occhiale più adatto riveste, com'è ovvio, una grande importanza. Ecco, allora, i principali criteri che devono ispirarla. Gli occhiali per bambini, da vista o da sole che siano, devono rispondere a precisi requisiti di qualità e sicurezza, ma anche di estrema comodità. L'ottico optometrista è lo specialista in grado di tener conto delle proporzioni della testa e del viso del bambino, ma anche delle esigenze dettate dalla sua tà, dalle specifiche attività che svolge e dalla sua particolare personalità. Da 0 a 4 anni la scelta del materiale deve ricadere, per motivi di sicurezza cotro gli urti, sulla plastica morbida bio-compatibile, un materiale leggero e indeformabile con una linea priva di spigoli. Inoltre, dato che il dorso del nasale nei bambini più piccoli è poco sviluppato, la montatura dovrà presentare un appoggio nasale molto basso, che permetterà di posizionare le lenti correttive, privilegiando la visione frontale e superiore. Il margine superiore della lente, infatti deve superare di poco il sopraccilio per evitare che il bambino "sbirci sopra la montatura", annullando l'efetto correttivo della lente. Il bordo inferiore della montatura, poi, non deve toccare le guance, sia per consentire una centratura stabile delle lenti (non fluttuante per via delle spinte delle guance quando il bambino sorride) sia per evitare, in presenza di sudore, il rischio di irritazione della pelle. Le stanghette devono avere il terminale a riccio o con la possibilità d'inserire un elastico anallergico in modo da bloccare la montatura sul volto del bambino in maniera confortevole. Le lenti correttive o da sole, che sono la parte più importante dell'occhiale, devono essere infrangibili, per garantire la maggior sicurezza possibile in caso di urto o caduta. Grazie a nuovi materiali, è anche possibile nasconderne lo spessore elevato nel caso di correzioni importanti, garantendo un'estetica ottimale. La montatura più sicura per il volto del bambino dev'essere eseguita con un montaggio estrerno o con un bisello (bordo d'incastro della lente) ben smussato e raccordato il più possibile alla montatura. Oltre a scegliere lenti infrangibili con una superficie resistente ai graffi, occorre educare il bambino a tenere lelenti degli occhiali ben pulite e correttamente posizionate sul viso. In ogni caso,è essenziale una giusta manutenzione e un periodico controllo degli occhiali dall'ottico optometrista. I graffi sulle lenti, infatti, possono arrivare ad alterare la buona visione e addirittura causare uno squilibrio corporeo, dato che il bambino ha la tendenza a ricercare, con rotazioni inclinazioni della testa, una zona della lente che sia "più pulita" e trasparente.
Home Progetto Articoli Strumenti Video Contatti Notizie Pagina 1 Pagina 2 Pagina 3 Pagina 4 Articoli
Proteggi Educa Allena la tua Visione
P.E.A.V.
Pagina 4
Contatore visite gratuito