Dal 1999 per il benessere visivo
Home Progetto Articoli Strumenti Video Contatti Notizie
Il progetto P.E.A.V. oggi disponibile solo via internet o presso gli studi dei professionisti che credono in questo progetto educativo, dal 1999 al 2011 ha promosso più di 1.000 conferenze gratuite presso i comuni e le scuole, studiate per sensibilizzare ragazzi, genitori e insegnanti sulla necessità di proteggere, educare, allenare la propria visione attraverso l'attuazione di semplici regole ed esercizi con l'aiuto di pratici strumenti didattici come leggii, quaderni di qualità e matite-penne prismatiche. Gli incontri interattivi sono riusciti a coinvolgere piacevolmente sia gli adulti che i bambini con esercizi pratici, volti a illustrare i fattori esterni e i comportamenti che condizionano la corretta visione: La visione: strumento ideale per favorire il processo di maturazione corporea e di memorizzazione- manipolazione delle informazioni. La valutazione della propria dominanza visiva: punto di partenza per un equilibrato schema corporeo che non vada ad interferire sull’apprendimento. Una valutazione globale dei sistemi posturale-visivo-masticatorio attraverso l’analisi di catene muscolari, dei sistemi tampone e delle strategie che l'organismo attua di fronte ad un problema visivo cognitivo (TEVIP). Processo di miniaturizzazione della scrittura: una tappa importante per una corretta impugnatura che non vada a stimolare difetti visivi. Recupero degli schemi visivi-motori corretti nell’atto della scrittura-lettura attraverso un protocollo di esercizi atti al recupero dei movimenti fini della mano ed a una postura-visiva corretta e flessibile. La necessità di una corretta valutazione del materiale didattico di base (quaderni, matite e penne) unito a protocolli di valutazione e potenziamento dell’impugnatura e della percezione dei colori. L’educazione ad un corretto comportamento visivo sui banchi e a casa durante lo studio facilitato dall’utilizzo del piano inclinato e dal ripristino di una flessibilità visiva e corporea. La valutazione di una adeguata illuminazione e organizzazione ergonomica della classe rispetto al lavoro didattico proposto e alle esigenze visive di ogni singola persona. Le strategie didattiche da attuare per facilitare i salti di fissazione durante la ricopiatura alla lavagna e l’apprendimento della lettura. La valutazione del fattore P.I.C. (posizione- illuminazione-correzione) e tempi d’utilizzo di video- giochi, computer e televisione. Il mantenimento di un’efficienza visiva attraverso semplici esercizi di stretching visivo e una corretta alimentazione La campagna P.E.A.V. ha da sempre promosso le nuove direttive europee UNI ed è in linea con i dettami della legge 162/90 sull’autonomia scolastica che chiede alla scuola di programmare annualmente le “attività di educazione alla salute” per rafforzare il delicato e complesso processo educativo di ogni alunno che la scuola persegue come proprio fine istituzionale, coinvolgendo nel frattempo insegnanti e genitori per la promozione del benessere della persona inteso come “stato completo di benessere fisico, mentale e sociale”. Un serio progetto educativo con funzione preventiva che permette di creare una conoscenza e una coscienza delle regole basilari per il mantenimento di un’efficiente visione, è la risposta a questa definizione di benessere.
Giorgio Bollani Responsabile nazionale P.E.A.V.
Proteggi Educa Allena la tua Visione
P.E.A.V.
Progetto
Contatore visite gratuito